La "Dante Alighieri Film Commission" presenta
Dante Alighieri Film Festival
Second Edition
Rassegna di Film in lingua inglese realizzati dagli allievi delle classi 3C e 3E
Docente prof.ssa Patrizia Schirosi

Questo è il secondo anno del Festival Cinematografico del nostro Istituto. Hanno partecipato con entusiasmo gli allievi delle classi 3C e 3E.
Il progetto nasce dal percorso fatto negli anni con "La Scuola dei Linguaggi" delle Reti Teleintendo, Logos e, da questo anno, Master Koinè.
La scuola, dal 2008, ha preso parte al Piano Nazionale Logos che ha visto i linguaggi protagonisti della didattica. Vi invito a visitare la pagina dei linguaggi dove sono ricordate le otto competenze chiave della Strategia di Lisbona per la formazione permanente del Cittadino Europeo.
Il progetto di realizzazione di questi cortometraggi prende in considerazione più punti e si integra perfettamente con le Indicazioni Nazionali, documento prescrittivo per la Scuola italiana.
Questo project work trova integrazione con i corsi di Comunicazione, dei laboratori audio e video e di quelli di media-education, dopo una lunga formazione seguita presso il Liceo Classico Scipione Maffei di Verona, l'Università di Torino, i convegni ed incontri del Logos Regionale e la mia partecipazione, come discente, in questo anno accademico, al Master di II livello Koinè, formatore per la didattica della comunicazione presso l'Università di Genova.
Il confronto con L'Università ha permesso di avere il supporto scientifico necessario al buon risultato: gli allievi tutti hanno partecipato con entusiasmo ed hanno lavorato per portare a compimento il progetto.
Troverete in questa pagina:

- la locandina del Dante Alighieri Film Festival
- i film delle classi 3E e 3C (CLICCA QUI PER VEDERLI)
- la presentazione del Project Work della docente in video con le finalità didattiche
- il programma di sala

Il tema trattato nei film è quello della narrazione: le storie raccontate spaziano dall'avventura, al film giallo, dove il crimine paga sempre e giustizia trionfa, a scene di vita a scuola ben conosciute dagli allievi.
Non sempre la recitazione è a livello dell'Actor Studio e i mezzi sono stati poveri. Possiamo fare una dotta citazione dicendo che ci siamo rifatti al Movimento cinematografico Dogma 95, creato dai registi danesi Lars von Trier e Thomas Vinterberg e fondato su precise regole espresse in un manifesto pubblicato nel 1995: niente luci, nessuna scenografia, assenza di colonna sonora, rifiuto di ogni espediente al di fuori di quello della camera a mano: insomma niente effetti speciali né investimenti miliardari. Del resto non ci aspettavamo che un produttore potesse investire denaro su di noi!
Ma un investimento c'è stato: sono stati i ragazzi stessi che hanno investito sul loro sapere.
Hanno imparato a lavorare i team, a prendere decisioni comuni, a rispettarsi e condividere idee e a sostenere le proprie migliorando la competenza organizzativa e sociale.
Hanno imparato che per costruire un film, o qualunque altro progetto, bisogna partire dalle idee, che devono essere ordinate ed organizzate, in questo caso da uno storyboard. Ora sanno che i tempi sono importanti, che il dialogo deve essere coerente: hanno utilizzato strategie narrative che hanno incontrato in altri momenti del loro percorso scolastico o nelle letture o visioni di film del loro tempo libero, utilizzando le loro risorse: hanno imparato ad imparare
Hanno costruito competenze nel campo linguistico sia della lingua madre sia della lingua straniera. E' vero che nel momento dell'organizzazione del lavoro hanno utilizzato molto spesso la lingua madre, ma la scrittura, impegnativa, del copione in inglese ha permesso agli studenti riutilizzare strutture e funzioni apprese nel corso del triennio e la recitazione ha migliorato la competenza comunicativa.
Gli studenti si sono confrontati con le TIC in modo differente e la competenza digitale di tutta la classe è migliorata: software non solo per giocare, ma per veicolare messaggi.
Spero che questa esperienza sia stata per gli allievi della terza C e della terza E una pietra miliare dei tre anni alla Dante Alighieri.
Ai miei sceneggiatori, cameramen, attori, attrici, attrezzisti, tecnici del suono, del montaggio, registi, editor, trova-robe…. gli auguri più sinceri per il loro futuro.
Patrizia Schirosi

un video della giornata del 9 giugno